ORGANIGRAMMA

ORGANIGRAMMA

 

In questa pagina troverete: organigramma della scuola ed  articolazione degli uffici, le attribuzioni e l’organizzazione di ciascun ufficio (livello dirigenziale e non), i nomi dei dirigenti responsabili dei singoli uffici, nonchè il settore dell’ordinamento giuridico riferibile all’  attività da essi svolta. Norma di riferimento: art. 54 del Decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 “Codice Amministrazione Digitale”.

Il presente assetto organizzativo –Organigramma e Mansionario – tiene conto delle nuove disposizioni contenute nella recente Riforma della Scuola Secondaria Superiore

Dal seguente schema grafico si evincono le relazioni tra le varie componenti.

Organigramma-scuola

Collaboratori del Dirigente

  • Collaboratore vicario del Dirigente scolastico
  • Collaboratore del Dirigente scolastico

Funzioni dei collaboratori

  • Condividere e coordinare con il Dirigente Scolastico scelte educative e didattiche, programmate nel P.O.F.;
  • rappresentare il Dirigente in riunioni esterne (ASL, Enti Locali, Comunità, etc);
  • sostituire il Dirigente in caso di assenza (ferie o malattia);
  • sostituire il Dirigente in caso d’emergenza o di urgenza anche prendendo decisioni di una certa responsabilità.
Responsabili di Plesso

  • Coordinatore Sede
Funzione dei referenti di plesso

  • Funzioni interne al plesso:
    • essere punto di riferimento per alunni, genitori e colleghi;
    • far circolare le varie informazioni provenienti dalla segreteria, affidando ad un collega del plesso o ad un collaboratore scolastico l’incarico di predisporre la raccolta e la catalogazione delle circolari;
    • gestire le sostituzioni dei colleghi assenti secondo gli accordi approvati in sede di Collegio docenti;
    • coordinare le mansioni del personale ATA;
    • gestire l’orario scolastico nel plesso di competenza;
    • segnalare al Capo d’Istituto l’eventuale necessità di indire riunioni con colleghi e/o genitori;
    • creare un clima positivo e di fattiva collaborazione;
    • assicurarsi che il regolamento d’Istituto sia applicato.
Funzioni interne all’Istituto :

  • informare il Capo d’Istituto e con lui raccordarsi in merito a qualsiasi problema o iniziativa che dovesse nascere nel plesso di competenza;
  • Funzioni esterne al plesso:
    • instaurare e coltivare relazioni positive con gli enti locali;
    • instaurare e coltivare relazioni positive e di collaborazione con tutte le persone che hanno un interesse nella scuola stessa.
Funzioni strumentali al Piano dell’offerta formativa

    • Area 1: Gestione della progettualità professionale e coordinamento del POF
    • Area 3: Interventi formativi d’intesa con enti ed istituzioni esterne

Funzione delle figure strumentali

  • Area 1: attività di preparazione, stesura e gestione del POF
  • redazione del  POF  e di eventuali modifiche, integrazioni e/o aggiornamenti in relazione a sopraggiunte normative ed esigenze;
  • elaborazione e coordinamento delle attività del Piano;
  • valutazione ed autovalutazione delle attività del Piano;
  • cura e documentazione educativa;
  • coordinamento nella scuola dell’attività di tutoraggio connessa alla formazione universitaria dei docenti;
  • definizione del curricolo nell’ottica dell’autonomia;
  • organizzazione di incontri tra docenti per l’individuazione delle competenze e dei percorsi formativi;
  • individuazione di momenti di aggiornamento e approfondimento delle diverse discipline a supporto del lavoro da organizzare;
  • raccordo tra programmazione curricolare e attività di laboratorio
  • collaborare con lo staff della Dirigenza e con le altre Funzioni Strumentali.
  • Area 2: attività di interventi e servizi per gli studenti

    • coordinamento dei rapporti tra la scuola e la famiglia;
    • coordinamento delle attività extracurricolari;
    • coordinamento e gestione delle attività di continuità, di orientamento, accoglienza e tutoraggio;
    • coordinamento delle attività di compensazione, integrazione e recupero offrendo supporto alla commissione GLI (Gruppo di Lavoro per l’Integrazione);
    • monitorare l’inserimento degli alunni diversamente abili/stranieri/svantaggiati e verificare la  funzionalità della programmazione/progettazione dei docenti di sostegno;
    • collaborare con lo staff della dirigenza e con le altre Funzioni Strumentali.
    • Area 3: attività di interventi formativi d’intesa con Enti ed istituzioni esterne e sostegno al lavoro dei docenti

      • analisi dei bisogni formativi e gestione del piano di formazione/aggiornamento;
      • accoglienza dei nuovi docenti;
      • coordinamento e utilizzo delle nuove tecnologie e della biblioteca;
      • coordinamento dei rapporti con enti pubblici e privati;
      • coordinamento delle attività di scuola-lavoro e di stage formativi;
      • coordinamento delle attività con la formazione professionale;
      • collaborare con lo staff della dirigenza e con le altre Funzioni  Strumentali.